11
Febbraio
2010

Essere Fumatori

Sono un fumatore.  Per me tutto si riduce a questo: essere un fumatore. le pipe le fumo, non le colleziono. Eppure ne ho molte, di pipe, sparse ovunque per casa e non sono una collezione. Non ne rivenderei mai una. Qualcuna l'ho buttata, qualche altra l'ho rotta. una l'ho addirittura persa (come si faccia a perdere un oggetto lungo venti centimetri, con un fornello di otto me lo chiedo ancora), ma le altre sono tutte qui, da qualche parte: scrivania, libreria, cassetti, cappotti, zaini, borselli; possono spuntare ovunque. L'altro giorno ne ho ritrovata una in un cappello, nell'armadio. Da nessuna mi separerei, anche da quelle con cui ho litigato, da quelle che "non ci siamo mai capiti". A rotazione le fumo tutte, ha senso per me parlare di collezione? No Perchè non ha senso parlare di esclusione. Ogni pipa e' un ricordo, una traccia di passaggio, un'evidente dimostrazione del mio disordine mentale. eppure l'animo del collezionista lo tiro fuori quando provo sapori, tabacchi, anche li' senza esclusioni, la collezione più temibile, tutto quello che mi capita a tiro.
Alla fine ho capito: forse colleziono ricordi, momenti senza esclusioni solo Perchè ho imparato ad accettare me stesso anche quello di me che conosco e non amo, anche gli errori, forse soprattutto gli errori. Mi piace pensare che alla fine di me rimarr� qualcosa di tangibile, non qualcosa che � stato mio, ma qualcosa di mio. E' una vanità, lo so, ma questa e' l'ora di essere sinceri ed il mio difetto, ovviamente non l'unico, � questo: pensare che di me resteranno oggetti come quelli di un naufragio sulla battigia figli del mio disordine e del disordine prodotto dal tempo o dal caso.
Altri forse tengono fuori il caos creando un ordine posticcio, limando, correggendo. padroni di farlo e di divertirsi nel farlo.
io guardo le mie pipe e sorrido. nessuna verr� lasciata indietro...

Abelgrifo

Categories: Pagine di fumo

© 2002 - 2016 Fumarelapipa.com. I diritti dei contenuti appartengono a FLP e ai rispettivi autori. Non copiare senza autorizzazione.