I prossimi eventi

Passa il mouse sulle caselle colorate e scopri i prossimi eventi!

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28

La sfida della Canadese 2016

canadese voto 

 

Gianluca Mosca

La Canadese di Mosca

Gianluca MOSCA

Paolo Chiusa

La Canadese di Paolo Chiusa

Paolo CHIUSA

Le Storte di Stefano Grilli

La Canadese Le Storte

LE STORTE di Stefano GRILLI

Abc di Andrea Rossi

La Canadese ABC di Andrea Rossi

ABC di Andrea ROSSI


Sono Gianluca Mosca, ho 35 anni e risiedo a Padova.

Sono un giovane laureato in Agraria e la mia più grande passione è la lavorazione del legno: attività che sto cercando di trasformare in un vero e proprio lavoro.

Questa passione è nata molto presto poiché mio nonno materno mi ha coinvolto fin da bambino nel suo hobby preferito: il bricolage.

Il mio amore per la pipa è sbocciato altrettanto presto guardando mio padre mentre la fumava: mi sono fin da subito innamorato delle linee, dei disegni della radica e dei suoi colori. Ero rimasto ipnotizzato da questo piccolo oggetto cosi da grandi. All'età di 25 anni, quindi, la svolta: ne ho acquistata una tutta mia e di lì a poco ne ho realizzata una handmade provando una grande soddisfazione.

Dopo quell'esperienza è nato un nuovo Amore: ho iniziato a fare ricerche su ricerche in internet dove ho avuto modo di entrare in contatto con chi commercializza radica e nella community di FLP, dove ho conosciuto tanta belle persone.

Ad oggi dopo averne realizzate a centinaia, e avendo riscosso diversi consensi, sono sempre più convinto che la strada del mio futuro sia in questa direzione.

Per me il legno non è solo una materia da lavorare per creare qualche bell'oggetto, bensì considero il legno come una parte di me stesso attraverso la quale io mi esprimo, ancor di più quando realizzo una pipa.


Nato e cresciuto a Cremona mi sono avvicinato al mondo della pipa quasi per scherzo: come oggetto mi ha sempre affascinato.

Frequentando spesso la bottega di un amico liutaio, ho imparato la lavorazione di alcuni tipi di legno e insieme abbiamo provato a realizzare abbozzi di pipe con scarti di legni per violini.

Ho iniziato così a capire che come attività mi piace e mi appassiona sempre di più, così mi sono attrezzato per realizzare pipe in modo più serio.

Utilizzo prevalentemente radica di Erica arborea e ulivo.

Non amo particolarmente realizzare le forme classiche e standard, mi concentro su pipe di mia ispirazione.


Nelle mie realizzazioni si notano tracce dei miei lavori passati. Ecco che insieme a legni delle più svariate essenze (limone, corbezzolo, ulivo, quercia da sughero, ciliegio, radica di frassino, robinia…) appaiono inserti in metallo o metacrilato che in passato ho imparato a lavorare.

Il fine delle mie realizzazioni è quello di produrre pipe ad hoc per ogni fumatore.


Nasco come ex fumatore di sigarette due anni e mezzo fa, dopo un grave avvenimento.

Il modo di vedere la vita è un pò cambiato. Prima ero per "un giorno lo farò".

Ora sono per "lo faccio ora!" ed è cosi che ho iniziato a fumare la pipa: era una cosa che volevo fare e che ho sempre rinviato.
Da lì ad iniziare col fabbricare la mia prima pipa il passo è stato breve. Attrezzato il garage, comprata radica e bocchini ed ecco a voi... delle vere schifezze!

Credevo fosse facile, invece non è così!

Ma grazie ad amici premurosi che mi hanno incoraggiato e a schietti conoscenti, che mi hanno tenuto con i piedi per terra, ho ingranato la seconda marcia e sto continuando la strada.
Il vero inizio, il mio anno 0 è partito a Selvazzano Dentro (PD) dagli amici Gianluca e Michele della Radica Design i quali pazientemente mi hanno spiegato i vari passaggi.

Poi partii alla volta di Bolzano Vicentino, anche qui un amico, Giacomo Penzo, era pronto a seguirmi passo passo per la realizzazione da barra a prodotto finito del bocchino.
Esperienza straordinaria è stata grazie al corso seguito a Bolzano dal maestro Bertram Safferling.

Da lui ho capito una cosa molto importante: fare pipe è una nobile arte, non è solo grattar radica, ma è conoscere la meccanica, la botanica, la geometria, la chimica e, soprattutto, rispettare la signora radica e divertirsi.

Il marchio A.B.C. è nato dalle iniziali dei nomi mio di mia figlia e mia moglie.


LA REALIZZAZIONE DELLE PIPE

     


Gianluca MOSCA

Per la realizzazione della canadese ho usato una placca di radica toscana, stagionata da me circa 3 anni, mentre il bocchino è in ebanite.

Mi sono ispirato ad una vecchia canadese che ho in casa dalla quale ho tratto la linea e le proporzioni.

Vista la lunghezza del cannello ho preferito fare i fori con il tornio così da avere maggior controllo sulla flessione della punta che in questi casi tende a flettere se non si usa qualche accorgimento.

La maggior difficoltà l'ho riscontrata nel mantenere la sezione ellittica del cannello sempre ben proporzionata. Quindi mi sono armato di pazienza e olio di gomito.

Alla fine ne è derivata una pipa che secondo me rispecchia bene le caratteristiche principali di uno shape complicato come questo.

 

 
Paolo CHIUSA

Per la mia canadese mi sono ispirato alla Savinelli 804 KS, modificandola quel poco per avvicinarla ai miei gusti personali, ho utilizzato del metacrilato venato bianco per il bocchino e un color ciliegio per la verniciatura

 


LE STORTE - di Stefano GRILLI

La Canadese che ho ideato per la “Sfida degli Emergenti 2016” è realizzata in erica arborea.

Nel fornello ho inserito un parafiamma in bronzo satinato, lavorato su tornio parallelo.

Il bocchino realizzato in metacrilato è stato impreziosito da inserti di vario colore in modo da armonizzare gli accostamenti cromatici dei diversi materiali usati.


ABC di Andrea ROSSI

La realizzazione di questa pipa è avvenuta così.
Dopo aver visionato un po' di canadesi da un amico tabaccaio (non possedendone nemmeno una) sono tornato a casa ed ho iniziato a disegnarla su un foglio.

Prese le varie misure su una bella placca lunga ho iniziato i lavori al tornio e crack rotta la placca in due!

Iniziato i lavori su un'altra placca e crack rotta anche la seconda è così per altre placche.

Stufo di buttar radica e con molta rabbia in corpo ho preso la decisione di utilizzare il tornio solo per la foratura e di modellarla a mano.

Quindi questa pipa è il risultato di non so quante rotture, una pipa fatta di rabbia e nervosismo, stress e incazzature, difetti di radica sbucati fuori al l'ultimo colpo di raspa ed è per quello che ho dovuto rusticarla.

È una forma complicata racchiude in se tre difficoltà, la testa, la linea detta del cannello e l'ovalita del medesimo.

Non è uno shape da fare la prima volta sopratutto se si presenta ad un concorso

LE RISPOSTE ALLE VOSTRE DOMANDE

Gianluca MOSCA


Paolo CHIUSA

LE STORTE - di Stefano GRILLI


 

ABC di Andrea ROSSI

Ultima modifica il Giovedì, 11 Febbraio 2016 10:21

Newsletter

Sempre informato sulle nostre attivita!

© 2002 - 2016 Fumarelapipa.com. I diritti dei contenuti appartengono a FLP e ai rispettivi autori. Non copiare senza autorizzazione.